Ognuno di noi mangia in media 25 kg di pesce all’anno — quasi il doppio di 50 anni fa.

Oggigiorno, sarebbe veramente difficile immaginare la nostra alimentazione senza pesce. Ne consegue che la domanda globale di prodotti ittici continua ad aumentare.
Per soddisfare questo nostro appetito, oggi peschiamo una quantità di pesce eccessiva rispetto a quanto l’oceano ne possa produrre.
Sono ormai a rischio molti ecosistemi marini e le comunità di pescatori locali che da essi traggono economia e sostentamento.
Dopo i cambiamenti climatici, lo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche è la seconda minaccia, in ordine di importanza, per i nostri oceani.
Molto presto potrebbe non esserci più pesce disponibile per la pesca, l’allevamento e quindi l’alimentazione.

Per fortuna, questo sfruttamento eccessivo delle risorse ittiche può essere frenato. Abbiamo, però, bisogno del tuo aiuto.

Oltre la metà dei prodotti ittici, che acquistiamo, proviene molto probabilmente da un paese in via di sviluppo.

L’Unione europea costituisce il principale importatore al mondo di prodotti ittici, oltre la metà dei quali viene importata da paesi asiatici, africani e da altri in via di sviluppo, dove molte comunità locali basano il loro sostentamento sull’attività di pesca.
Nel mondo non va dimenticato, che il pesce e i frutti di mare rappresentano la merce più commercializzata e quindi trasportata.

La verita’ nuda e cruda

Ognuno di noi mangia in media 25 kg di pesce all’anno, di cui 19 kg sono di importazione.

icon_hard_facts_boat_and_fish

Il

93%

degli stock ittici nel Mediterraneo e’ sovrasfruttato

Il

31%

delle risorse ittiche globali è pescato in maniera eccessiva

800 milioni di persone dipendono dai prodotti ittici come fonte di nutrimento e di reddito per le loro famiglie, la maggior parte delle quali vive in paesi in via di sviluppo.

icon_hard_eu_import

Nel 2014, i Paesi del Mediterraneo appartenenti all’Unione Europea hanno importato circa l’

85%

dei prodotti ittici da essi consumati

icon_hard_facts_hook_and_fish

l’attività di pesca illegale, non regolamentata e non registrata (IUU) potrebbe presto raggiungere i

26 milioni di tonnellate

su scala globale, rappresentando più del

30%

dell’attività di pesca annua totale

Siamo tutti interconnessi e uniti possiamo fare la differenza.

Pin It on Pinterest

Share This